Comunicato Stampa - Riunione annuale 2012

Tutti gli interventi di restauro finanziati dai Comitati Privati Internazionali per la Salvaguardia di Venezia nell’ambito del Programma congiunto con l’UNESCO beneficiano della progettazione e direzione dei lavori delle Soprintendenze veneziane, con le quali esiste un consolidato e collaudato rapporto di collaborazione.

La riunione di quest’anno è caratterizzata quest’anno da quattro appuntamenti: giovedì 25 ottobre presso il Consolato di Svizzera si è tenuta la presentazione del restauro che la Fondazione svizzera Pro Venezia finanzierà in occasione del suo 40° anniversario, ossia la Cappella dei tessitori di Seta nella Chiesa dei Gesuiti.

Sabato 26 alle 10.30, presso il Museo di Arte Orientale, saranno presentate le 37 selle e staffe da parata del periodo Edo recuperate grazie al primo impegno concretizzato a favore della salvaguardia del patrimonio veneziano da parte del Comitato giapponese Venezia aVvenire.

Nel pomeriggio alle 17.00 presso la Chiesa di San Zaccaria, sarà presentato il prossimo restauro congiunto finanziato dell’Associazione: il Crocefisso che si trova nella cupola, ad un’altezza di 22 metri e che con molta probabilità è lo stesso che si trovava nell’antica chiesa del Convento di San Zaccaria. La giornata si concluderà alle 18.30 con la presentazione presso la Galleria Franchetti alla Ca’ d’Oro del Crocefisso proveniente dalla Chiesa di San Simeon Piccolo, restaurato da Venetian Heritage.

Nel corso dell’anno, gli Amici dei Musei e Monumenti Veneziani hanno finanziato il ripristino dell’incisione della lastra tombale del Marchese Leopoldo de’ Gregorio nella Chiesa degli Scalzi a Venezia.

Il Comité Français pour la Sauvegarde de Venise prosegue con i lavori negli appartamenti reali dell’ex-Palazzo Reale in Piazza San Marco, che hanno visto la riapertura di sette stanze nel giugno di quest’anno.

Il Comitato Italiano ha mantenuto il proprio impegno mirante a garantire un’assistenza scientifica qualificata presso il Laboratorio Multi-disciplinare della Misericordia, e ha provveduto, dopo averne finanziato la messa in sicurezza, al restauro di tre dipinti (opera di Leandro da Bassano, Jacopo e Domenico Tintoretto) della Chiesa di San Giorgio, necessario per rimuovere i terribili attacchi di funghi che rischiavano di minare per sempre le pregevoli opere. Quest’ultima operazione è stata resa possibile grazie al generoso contributo di Serapian.

Pro Venezia Sweden ancora una volta si concentra sulle opere lapidee esterne e, dopo i Leoni della Porta Magna dell’Arsenale, si accinge a restaurare una deliziosa edicola in Campo della tana.

Save Venice Inc. ha appena concluso la manutenzione dell’affresco della Sottoportego della Pasina.  Inoltre l’organizzazione  ha visto concludersi nel corso dell’anno il restauro di 16 volumi di manoscritti illustrati da Giovanni Grevembroch, custoditi nella biblioteca del Museo Correr e appartenenti al Fondo Gradenigo Dolfin. E’ in corso il restauro di un dipinto (Apparizione di San Marco nella Sua Basilica) di Domenico Tintoretto conservato presso la Scuola Grande di San Marco (attuale Ospedale Civile).   Il comitato ha finanziato, grazie al sostegno della Gladys Krieble Delmas Foundation, numerose attività archivistiche in collaborazione con l’Archivio Storico Patriarcale concentrandosi in particolare su un prezioso fondo bibliografico ottocentesco e sugli archivi delle parrocchie di antica fondazione della terraferma veneziana, oltre alla continuazione dello studio e catalogazione delle squisite caricature di Anton Maria Zanetti il Vecchio conservate presso la Fondazione Cini. Sempre in ambito archivistico, il comitato ha finanziato la ricerca di documenti riconducibili al Veronese e al suo intervento a San Sebastiano presso l’Archivio della Soprintendenza ai Beni Architettonici e presso l’Archivio di Stato.  I lavori di restauro continuano alla chiesa di San Sebastiano, mentre si sono conclusi, e sono stati di recente presentati, gli interventi nella Stanza XXIV (Sala dell’Albergo) delle Gallerie dell’Accademia. Sono appena iniziate le analisi e la manutenzione dell’ Assunta del Tiziano nella Basilica dei Frari, dopo il restauro condotto negli anni 1970. Nella stessa Basilica, sta per avviare le operazioni di manutenzione sulla Pala Pesaro e sull’altare che la racchiude abitualmente.

Inoltre, in collaborazione con il Comune di Venezia, grazie a un finanziamento del Boston Chapter sarà possibile avviare il restauro della vera da pozzo in Corte seconda del Milion.

Il Comitato Olandese Stichting Nederlands Venetië Comité, congiuntamente alla Parrocchia, ha provveduto alle operazioni necessarie alla piena fruizione del Polittico della Vergine nella Cappella di San Tarasio della Chiesa di San Zaccaria, ed in particolare del trittico raffigurante un Cristo in pietà. L’impegno del Comitato nella Chiesa continuerà con l’avvio previsto dei lavori di ripristino della Cappella dell’Addolorata.

The Venice in Peril Fund ha concluso gli studi propedeutici al restauro del Cenotafio di Antonio Canova, presso la Basilica dei Frari. Tali analisi, rese inizialmente possibili dal contributo di “The Leading Travel Companies Conservation Foundation”, si sono rivelate necessarie alla valutazione dello stato di conservazione del monumento, anche in relazione al microclima della Basilica, in vista del suo restauro, che si prefigura particolarmente complicato. Inoltre si sono conclusi i lavori per il descialbo di un affresco che si riteneva tardo-gotico, ma che è probabilmente rinascimentale, nell’ambito del cantiere della Soprintendenza Speciale per il polo Museale nella Chiesa dei Carmini. Tale affresco rappresenta un punto fondamentale negli studi riguardanti la storia di tale edificio religioso, per questo si attendono a breve i risultati delle analisi dendrocronologiche delle parti lignee della parete, che dovrebbero permettere di definire con maggiore sicurezza le fasi della storia dello straordinario edificio religioso. Da ultimo, il comitato che è tra i più “antichi”, ha finanziato il restauro di tre bozzetti realizzati dal Canova e conservati presso le Gallerie dell’Accademia, presentati in occasione della Settimana dei Beni Culturali. A breve partirà il restauro dell’Arco che conduce al Cortile dei Fiorentini, nell’ex-convento dei Frari, attuale sede dell’Archivio di Stato.

È altresì continuato l’impegno dell’organizzazione internazionale Venetian Heritage Inc. nella Chiesa di San Salvador. Infatti, grazie al contributo di Louis Vuitton si sta procedendo - e sta ormai quasi volgendo al termine - alla creazione dell’esposizione permanente del Tesoro di San Salvador nelle Sale del capitolo e dell’anti-capitolo.

Venetian Heritage  continua la sua attivita’ di salvaguardia, conservazione e promozione del  patrimonio storico artistico  veneziano nel mondo, ed in particolare in Croazia, a Curzola, dove si sta occupando della cattedrale di San Marco.

Nella Chiesa di San Simeon Piccolo oltre al restauro del crocifisso ligneo della fine del ‘400, sosterrà la  spesa per  la  messa a norma dell’impianto elettrico e di riscaldamento.  Nella Chiesa dei Carmini ha finanziato le indagini conoscitive preliminari per il restauro e il restauro stesso della  Croce stazionale. Si è inoltre concluso il laborioso restauro del Crocifisso ligneo del primo Rinascimento dell’Iconostasi della Basilica di Torcello, oggetto di un convegno, svoltosi nel corso della primavera, e che ha visto avvicendarsi alcuni dei maggiori esperti mondiali di scultura lignea.

L’Associazione tiene a ringraziare La Dogaressa Catering per la generosa ospitalità nel corso della Riunione.

Programma UNESCO - Comitati Privati Internazionali per la Salvaguardia di Venezia


In risposta all’appello lanciato dal Direttore Generale dell’UNESCO nel 1966, in vari paesi sorsero oltre cinquanta organizzazioni private allo scopo di raccogliere e far pervenire contributi da destinare al restauro e alla conservazione di Venezia. Nel corso degli anni i Comitati Privati Internazionali hanno lavorato in stretta collaborazione con le Soprintendenze di Venezia del Ministero per i Beni Culturali, tramite l’UNESCO, allo scopo di identificare le priorità e di farvi fronte. Le Soprintendenze da sempre forniscono la progettazione e la direzione dei lavori degli interventi di restauro.

Oggi l’Associazione dei Comitati Privati conta tra i suoi membri ventidue organizzazioni di 11 paesi diversi. Sin dal 1997 l’Associazione gode dello speciale status di Organizzazione Non Governativa in relazione operativa con l’UNESCO.

Venezia, 26 ottobre 2012